Dakar 2019, quarta tappa: Al-Attiyah e Peterhansel danno spettacolo, squillo Brabec

Avvincente duello per le auto, con Loeb grande protagonista prima di un finale complicato. Nelle moto giornataccia per l'ex leader Quintanilla

La Dakar 2019 entra nel vivo con una battaglia sempre più avvincente tra Nasser Al-Attiyah e Stephane Peterhansel: la quarta tappa, Arequipa-Tacna, dopo un lungo testa a testa va al qatariota, con 'Mister Dakar' ora secondo anche in classifica generale. Un ottimo Sebastien Loeb, a lungo terzo, è costretto al quinto posto dopo un finale accidentato. Nelle moto Ricky Brabec conquista vittoria e leadership, con Quintanilla che perde 20 minuti.

Dakar, la sfortuna rallenta Loeb

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

La Dakar 2019 entra nel vivo con una battaglia sempre più avvincente tra Nasser Al-Attiyah e Stephane Peterhansel: la quarta tappa, Arequipa-Tacna, dopo un lungo testa a testa va al qatariota, con 'Mister Dakar' ora secondo anche in classifica generale. Un ottimo Sebastien Loeb, a lungo terzo, è costretto al quinto posto dopo un finale accidentato. Nelle moto Ricky Brabec conquista vittoria e leadership, con Quintanilla che perde 20 minuti.

>

MOTO
La quarta tappa, 664 km da Arequipa a Tacna, cambia ancora completamente le carte in tavola per quanto riguarda le moto. Primo sul traguardo giunge lo statunitense Ricky Brabec (Honda), precedendo di 6'19'' Matthias Walkner (KTM), l'austriaco vincitore della gara nel 2018. Terzo a 7'07'' Toby Price, sull'altra KTM. A fare sensazione è però il vero e proprio naufragio di Pablo Quintanilla: il cileno comandava la classifica generale con ben 11'23'' di vantaggio, ma nella tappa odierna vanifica tutto perdendo costantemente terreno dalla seconda frazione in poi. Al traguardo giunge quindi solo 14° e con un ritardo di 20'21'' dal vincitore. C'è quindi un cambio di leader nella classifica generale, Brabec, con Quintanilla secondo per 2'19''. Da sottolineare anche l'ascesa dell'italiano Jacopo Cerutti (Husqvarna): il comasco, che era 128° dopo la prima giornata di gara, continua la sua scalata che lo ha portato al 32° posto nella classifica assoluta al termine del secondo giorno e al 17° dopo il terzo. Ottima anche la sua prova da Arequipa a Tacna, dove ha tagliato il traguardo 16° a 23'24'' da Brabec, guadagnando un'altra posizione in classifica generale e dimostrando di non essere certo nella Top 20 solo grazie a un isolato exploit.

AUTO
Sono sempre più Nasser Al-Attiyah e Stephane Peterhansel i protagonisti assoluti della Dakar 2019 nelle auto. Dopo essersi contesi la vittoria nella terza tappa, decisa per poco più di tre minuti, i due rilanciano la loro sfida nella quarta, ancora più vibrante. Il qatariota si classifica infatti primo al traguardo con uno striminzito vantaggio di 1'52'' su 'Mister Dakar', che addirittura precedeva di appena 23 secondi dopo il quarto rilevamento. Grande protagonista di giornata è anche Sebastian Loeb, che fino all'ottavo parziale era ottimo terzo con appena 4'22'' di ritardo dal leader. L'alsaziano però perde parecchio terreno in un problematico finale ed è quinto al traguardo, staccato di 12'23'' e alle spalle anche di Jakub Przygonski (3°) e Nani Roma (4°). Il nove volte iridato WRC, insieme al connazionale Cyril Despres, si ferma infatti in soccorso di Giniel de Villiers, bloccato in mezzo al deserto con l'auto in panne. Continua infine ad essere una Dakar tutt'altro che semplice per Carlos Sainz: primi inconvenienti già al km 27 per lo spagnolo, e un ritardo di dieci minuti da Peterhansel accumulato in appena 50 km. Trentesimo a quel punto della gara, Sainz si lancia in una difficile rimonta e taglia il traguardo al settimo posto, con un ritardo di 24'44'' da Al-Attiyah.

TAGS:
Dakar
AlAttiyah
Peterhansel
Brabec

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X