Caso Pantani, generale Rapetto: "Quando morì c'era qualcuno con lui"

L'ex ufficiale della Guardia di Finanza ha ricostruito gli ultimi attimi di vita del Pirata davanti alla commissione Antimafia

Caso Pantani, generale Rapetto: "Quando morì c'era qualcuno con lui"

"Quando Marco Pantani morì qualcuno era in albergo con lui". Lo ha detto in audizione davanti alla commissione Antimafia Umberto Rapetto, già generale di brigata della Guardia di Finanza, ricostruendo gli ultimi momenti di vita del Pirata e analizzando dei punti oscuri delle indagini. "Non si può pensare che sia stato lui a strisciare il braccio prima di esalare l'ultimo respiro, qualcuno era con lui" a differenza di quanto si è sempre affermato.

Rapetto, inoltre, ha portato all'attenzione dei parlamentari l'immagine di una pallina bianca che era nella stanza d'albergo, vicino al corpo di Pantani, ma "rimasta intonsa anche in una pozza di sangue, come se fosse stata calata giù con una canna da pesca". Infine Rapetto ha parlato anche dell'albergo che ha ospitato Pantani negli ultimi giorni di vita: "C'erano sotterranei e garage, l'albergo veniva probabilmente utilizzato non solo per trascorrere le vacanze, ma magari anche per passare qualche ora in intimità, ragion per cui la possibilità di accedere dal garage esorbitava da qualunque controllo potesse essere esercitato dal bureau".

TAGS:
Ciclismo
Pantani
Altri sport
Caso pantani
Rapetto

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X