Nì della Federscherma: la Errigo a Tunisi ci sarà

L'ex-campionessa del mondo ci potrà andare ma solo a titolo personale ed a proprie spese

di EDOARDO GRASSI
Nì della Federscherma: la Errigo a Tunisi ci sarà

Il nì della Federscherma è l’ultimo capitolo del caso Errigo che turba la scherma italiana a 15 mesi dall’appuntamento olimpico. In soldoni, Arianna potrà tirar di sciabola, il 10 maggio a Tunisi, in Coppa del Mondo, come lei desidera perché il fioretto non le basta più e vuole avere un doppio binario da percorrere sulla strada per Tokyo in un clima di enorme concorrenza visto che, per fortuna, il serbatoio azzurro di talenti è sempre pieno. La mancata iscrizione, all’ultimo momento, alla prova di Seul di fine aprile nella sciabola, aveva buttato benzina sul fuoco della polemica (la Fis aveva già ribadito 1000 volte di volerla concentrata sul fioretto e basta) chiamando in causa anche gli avvocati di Arianna, pronti a rivolgersi al giudice in caso di mancata chiamata nella prossima gara di Tunisi.

La Federazione, attraverso i suoi avvocati, ha risposto ricordando che il fioretto resta – per i tecnici della scherma – ‘la disciplina per la quale l’atleta è ritenuta, allo stato, in grado di fornire le prestazioni di più alto livello’. Morale che ‘caso per caso la Federazione potrà autorizzare Arianna Errigo, su sua richiesta, a prendere parte alle competizioni individuali di sciabola’. In sostanza, la ex-campionessa del mondo a Tunisi ci potrà andare ma solo a titolo personale ed a proprie spese, grazie anche al fatto che non è in calendario, in parallelo, la Coppa del Mondo di fioretto che invece, questo fine settimana, la impegnerà a Tauber, in Germania, e qui con la benedizione di Federscherma e Coni.

TAGS:
Scherma
Errigo
Tunisi

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X