Calcio

Notizie dal mondo del calcio

Tutte le news in tempo reale

Tempo reale

Le news di giornata

CR7 E KOULIBALY, STASERA LA CONSEGNA DEI PREMI

Si terranno oggi a Torino e a Napoli le premiazioni sul campo di Ronaldo e Koulibaly, rispettivamente miglior giocatore in assoluto (MVP) e miglior difensore della stagione 2018/2019 secondo le classifiche stilate da EY sulla base delle rilevazioni statistiche di STATS e OPTA, con l'ausilio dei dati di tracking registrati da Netco Sports. I due calciatori riceveranno il trofeo prima dell'inizio delle sfide Juventus-Atalanta e Napoli-Inter. All'Allianz Stadium sarà il Presidente della Lega Serie A Gaetano Micciché a consegnare il premio all'attaccante portoghese: "Quest'anno abbiamo ammirato da vicino le gesta di Ronaldo, un fuoriclasse che ha fatto la differenza in tante gare di campionato e ha deciso la sfida col Milan in Supercoppa - ha detto il Presidente della Lega Serie A - Sarà un piacere premiarlo, sulla base del suo esempio spero che altri grandi calciatori possano arrivare in Italia per giocare nel nostro campionato". Al San Paolo ci sarà invece Simone Fugazzotto, l'artista che pochi giorni fa ha dipinto tre quadri durante la Finale di TIM Cup allo stadio Olimpico per diffondere un messaggio di uguaglianza e fratellanza, a celebrare il valore di Kalidou Koulibaly: "Sono onorato che Lega Serie A mi abbia scelto proprio per premiare il campione del Napoli - ha commentato Simone Fugazzotto - Ero a San Siro qualche mese fa quando fu vittima di cori razzisti e quell'episodio è stato fonte di ispirazione per le mie opere, per affermare che le persone si identificano per quello che fanno, non certo per il colore della pelle".

CHIEVO, PELLISSIER SARÀ PRESIDENTE

Nel giorno della sua ultima partita al Bentegodi, per Sergio Pellissier si spalanca un nuovo ruolo nel mondo del calcio: diventerà presidente del Chievo. Lo ha annunciato a Dazn Luca Campedelli, attuale numero uno dei gialloblù, prima della sfida contro la Sampdoria: "Sergio farà il presidente della società, è la carica più indicata per lui. Non ne abbiamo ancora parlato, non ce ne sarebbe bisogno, ma ad ogni modo lo faremo appena avrà appeso le scarpe al chiodo. La prima idea è quella".

LAZIO, INZAGHI CANCELLA LA CONFERENZA

Novità in casa Lazio alla vigilia della sfida contro il Bologna: la consueta conferenza stampa di Simone Inzaghi è stata cancellata. Il tecnico biancoceleste parlerà dopo la rifinitura solo ai microfoni di Lazio Style, il canale tematico del club. In questo momento il nome di Inzaghi è in pole per la panchina della Juve e probabilmente la scelta è stata presa per evitare domande sull'argomento.

SASSUOLO, DJURICIC: "OBIETTIVO DECIMO POSTO"

Filip Djuricic ha parlato dopo lo 0-0 contro la Roma: "Buona partita contro un grande avversario, pareggio giusto. Vogliamo provare a chiudere al decimo posto in classifica".

FIORENTINA, MAXI ESODO A PARMA

"Viola, maxi esodo a Parma. Montella: l'ora della salvezza". È Questo il titolo che compare sulla prima pagina de La Nazione. Sfida importantissima per la permanenza in Serie A al Tardini, dove sono attesi oltre 700 tifosi della Fiorentina.

SORPRESA MILAN, NIENTE RICORSO AL TAS

Mossa a sorpresa del Milan. Il club rossonero, secondo 'Il Corriere della Sera', dopo averlo annunciato ufficialmente prima di Natale non ha ancora presentato il ricorso al TAS contro la sentenza della Camera giudicante della Uefa per il mancato rispetto del Fair Play Finanziario nel triennio 2014-2017. Non solo, sempre secondo il quotidiano, l'intenzione del Milan è quella di evitare una battaglia giuridica ma di cercare piuttosto un accordo con la Uefa, che peraltro ha già rinviato a giudizio i rossoneri pure per il triennio 2015-2018. Il rischio di una stangata insomma è troppo alto, ecco perché alla fine il Milan vorrebbe trovare una soluzione senza dover arrivare al TAS. Soluzione che auspica anche la Uefa.

Le news di giornata

ROMA, FAZIO: "DE ROSSI CI MANCHERA'"

Dopo il pari col Sassuolo, Fazio ha parlato non solo del match, ma anche dell'addio alla Roma di De Rossi. "Al di là di quello che è successo volevamo vincere, nel secondo tempo abbiamo creato tanto e abbiamo sbagliato molto - ha spiegato -. Peccato, era importante prendere i tre punti. Ora dobbiamo sperare nei risultati di domani e nell'ultima gara". Poi sul capitano: "Daniele è un grandissimo giocatore, mi ha accolto benissimo e mi ha scritto un messaggio prima ancora che arrivassi a Roma. È un grandissimo capitano e ci mancherà, è un leader. Gli auguro il meglio per quello che verrà adesso per lui".

DE ZERBI: "DE ROSSI? LE BANDIERE VANNO RISPETTATE"

A margine dei commenti su Sassuolo-Roma, De Zerbi ha espresso anche il suo punto di vista sull'addio di De Rossi ai giallorossi. "A fine gara Daniele mi ha fatto i complimenti, dicendomi di aver visto i miei giocatori divertirsi - ha spiegato -. Per me è il miglior complimento". "Mi dispiace davvero per lui, io ho un De Rossi in squadra, ovvero Magnanelli - ha aggiunto -. Conosco il suo valore. Alcuni giocatori sono diversi da altri, alcune bandiere vanno rispettate e devono decidere loro quando smettere".

SASSUOLO, DE ZERBI: "VOGLIAMO IL DECIMO POSTO"

Dopo il pari con la Roma, De Zerbi fissa l'obiettivo per l'ultima giornata di campionato, garantendo professionalità e impegno. "Abbiamo disputato una grande partita, forse è mancata un po' di lucidità negli ultimi 25 metri - ha spiegato, analizzando la gara con i giallorossi -. La Roma negli ultimi 10 minuti ci ha messo tutto ed ha dato il 100% per vincere, ma, anche se sono un po' di parte, il Sassuolo avrebbe meritato la vittoria". "Il decimo posto? Vogliamo divertirci ed onorare tutte le partite - ha concluso -. Vogliamo il decimo posto per orgoglio e prestigio. L'Atalanta? È una squadra forte, ma noi voglia vincere".

PORTOGALLO: BENFICA CAMPIONE PER LA 37.A VOLTA

Il Benfica è campione di Portogallo per la 37.a volta. Le Aquile hanno battuto 4-1 il Santa Clara nell'ultima giornata, chiudendo con due punti di vantaggio sul Porto (2-1 sullo Sporting).

ROMA: A REGGIO EMILIA CORI PER DE ROSSI, INSULTI A PALLOTTA

Cori e striscioni nel settore ospiti del Mapei Stadium di Reggio Emilia, dove si stanno affrontando Sassuolo e Roma. I tifosi giallorossi già prima dell'inizio hanno acclamato il capitano Daniele De Rossi, in panchina, insultando il presidente James Pallotta, lanciando anche dei fumogeni e invitandolo a "pagare la multa". Al momento dell'ingresso in campo delle due squadre i supporter della Roma hanno anche esposto due striscioni con le scritte "Lode a te Daniele, ultimo Imperatore" e "De Rossi eterno capitano. Pallotta eterno riposo". Sono state anche molte le maglie della Roma con il numero 16 di De Rossi indossate o 'sventolate' nel settore ospiti.

GENOA, PRANDELLI: "PARI IMPORTANTE PER NON PERDERE FIDUCIA"

"Per fortuna abbiamo pareggiato, abbiamo sempre questa preoccupazione quando arriviamo in aria di rigore, quest'ansia di fare gol. È stata una partita difficile, abbiamo giocato per vincere la gara e siamo pronti anche per l'ultima gara. La Fiorentina? Questo pareggio è importante per non perdere la fiducia, abbiamo una possibilità importante e ce la vogliamo giocare". Parole del tecnico del Genoa Cesare Prandelli dopo l'1-1 acciuffato nel finale contro il Cagliari. "Criscito? Quando hai la fascia hai una responsabilità in più e lui se l'è presa con grande freddezza. I ragazzi stanno lavorando con grande convinzione".

CAGLIARI, MARAN: "SALVEZZA GRANDE RISULTATO"

"Eravamo virtualmente salvi 3-4 domeniche fa, ovvio che quando non hai la matematica c'è un po' di apprensione. E' un gran risultato per come siamo arrivati a questa salvezza. Non è mai scontato, la Serie A quest'anno è veramente dura dietro". Lo ha detto il tecnico del Cagliari Rolando Maran dopo l'1-1 in casa del Genoa che ha permesso ai sardi di centrare la salvezza aritmetica. "Oggi serviva questo, serviva carattere e siamo andati vicini a vincere la partita anche se il Genoa ha meritato il pareggio. Abbiamo fatto una buona annata, il nostro risultato lo abbiamo ottenuto con grande anticipo. Oggi siamo riusciti a suggellare questa salvezza".

CHAMPIONS LEAGUE DONNE: TRIONFO LIONE SUL BARCELLONA

Il Lione ha vinto la Champions League femminile per la quarta volta consecutiva, la sesta in totale, battendo nella finale di Budapest il Barcellona per 4-1.

CRISTIANO RONALDO AD ALLEGRI: "GRANDE ALLENATORE E GRANDE UOMO"

"Grazie mister! Abbiamo vissuto un solo anno insieme ma è stato eccezionale perché oltre a essere un grande allenatore sei un grande uomo. È stato un piacere lavorare con te!". Questo il messaggio social di Cristiano Ronaldo a Max Allegri.

UDINESE, TUDOR: "ABBIAMO FATTO IL NOSTRO, SPERIAMO BASTI"

"Speriamo che vada tutto a nostro favore, era importante fare questi tre punti. Abbiamo fatto il nostro, soffrendo abbastanza perché queste sono partite sempre difficili. Complimenti ai ragazzi e speriamo bene". Così il tecnico dell'Udinese Igor Tudor dopo la vittoria contro la Spal nell'anticipo della 37.a giornata. "Il futuro? Io sono tranquillo, contento, abbiamo fatto un buon lavoro e vediamo cosa succede alla fine. L'obiettivo era la salvezza, spero che ce l'abbiamo fatta. De Paul è cresciuto tanto, se va via per noi non sarà facile. Grazie a lui abbiamo fatto 20 punti".

TORINO, MAZZARRI: "CON L'EMPOLI LA FINALE DELLE FINALI"

"Empoli-Toro è una finale? È quasi la finale delle finali, poi ce n'è un'altra con la Lazio. Se noi facciamo bene domani sono sicuro che faremo una grandissima partita nell'ultima di campionato anche contro la Lazio. È quanto mai importante domani fare una partita in linea come nelle ultime partite perche' questa squadra nell'ultimo periodo a questa parte ha fatto delle cose straordinarie". Così il tecnico del Torino Walter Mazzarri ai microfoni di Torino Channel alla vigilia della gara contro i toscani. Il Toro non ha mai vinto in trasferta ad Empoli: "Questa è una difficoltà in più però io dico la verità: quest'anno mi sono reso conto che abbiamo sfatato tanti tabù e questo fa ben sperare. Anche perché la squadra, come ho detto prima, in questo momento sembra che abbia fatto un salto di qualità e se la gioca con ogni squadra, in ogni campo. L'Europa? I bilanci alla fine".

LEGA SERIE A: RONALDO MIGLIOR GIOCATORE 2018/19

Dal sito della Lega di Serie A arrivano i riconoscimenti per i migliori giocatori della stagione. Una novità che la massima serie ha istituito dal campionato che sta per chiudersi. Ecco i vincitori e la gara a margine della quale verranno premiati: MIGLIOR PORTIERE: Samir Handanovic (Inter-Empoli, 38ª giornata) MIGLIOR DIFENSORE: Kalidou Koulibaly (Napoli-Inter, 37ª giornata) MIGLIOR CENTROCAMPISTA: Milinkovic-Savic (Lazio-Bologna, 37ª giornata) MIGLIOR ATTACCANTE: Fabio Quagliarella (Sampdoria-Juventus, 38ª giornata) MIGLIOR GIOVANE: Nicolò Zaniolo (Roma-Parma, 38ª giornata) MVP - MIGLIORE IN ASSOLUTO: Cristiano Ronaldo (Juventus-Atalanta, 37ª giornata)

FIORENTINA, MONTELLA: "LA CLASSIFICA NON MI PREOCCUPA"

"Non sono preoccupato per la classifica perché sono convinto che i punti necessari le faremo, e dal lunedi' dopo l'ultima partita di campionato penseremo al futuro". Cosi' Vincenzo Montella, allenatore della Fiorentina, alla vigilia della sfida contro il Parma, gara diventata decisiva per la stagione viola, con l'obiettivo della salvezza ancora da raggiungere a due giornate dalla fine del campionato. Stessa situazione dei ducali che in classifica hanno due punti meno della Fiorentina. Il tecnico viola ammette che in questo momento l'ambiente "e' poco sereno" e che club e tifosi "si stanno allontanando", ma ritiene che "la preoccupazione ci puo' anche far bene: domani dobbiamo giocare con l'anima perche' e' quella che mi sento di dare io".

PARMA, D'AVERSA: "CON LA FIORENTINA E' COME UNA FINALE"

"Pensiamo solo a domani e all'avversario che dovremo affrontare". Nella sala stampa del Centro Tecnico di Collecchio, Mister Roberto D'Aversa ha incontrato i giornalisti alla vigilia della sfida, valida per la 37/a giornata di Serie A Tim 2018/19, tra Parma e Fiorentina. "Cio' che mi preme ricordare e' l'importanza del gruppo: ognuno di noi deve ragionare sul dover fare una grande prestazione al di la' di chi giochera' in avanti", aggiunge. "Per il senso di appartenenza dimostrato i ragazzi se lo meritano, manca l'ultimo gradino da scalare", insiste D'Aversa. "Uniti e compatti, non sprechiamo energie su altre situazioni e sul quel che fanno gli altri", dichiara. "E' il popolo di Parma che ha iniziato a volere questa risalita e tutti noi domani dobbiamo essere bravi a preservarla", conclude.

EMPOLI, ANDREAZZOLI: "SITUAZIONE DIFFICLE MA TUTTO DIPENDE DA NOI"

"E' una situazione complicata, lo sappiamo ma non dipendiamo da nessuno. E questa e' una cosa importante". Il tecnico azzurro Aurelio Andreazzoli ha parlato in conferenza nella sala stampa Antonio Bassi dello stadio Castellani alla vigilia della sfida con il Torino. "Domani e' una tappa delle ultime due e ci concentriamo su questa. E' una partita difficile, contro un Toro che ha 60 punti e qualcosa significa", aggiunge. "Abbiamo un solo risultato a favore, contro una squadra che ha perso meno di tutti in trasferta. Le cose difficili ci stimolano, siamo in casa nostra e abbiamo gia' dimostrato che c'e' anche il pubblico che ci dara' una bella mano", conclude.

JUVE, DYBALA SALUTA ALLEGRI SU TWITTER

"Grazie mister per questi magnifici 4 anni dove mi hai insegnato sopratutto a vincere! Ti auguro il meglio ovunque tu andrai!". L'attaccante della Juventus Paulo Dybala ha salutato così, attraverso Twitter, Massimiliano Allegri, che non è stato confermato dal club bianconero nella prossima stagione.

JUVE, AGNELLI: "LA MIA DECISIONE PIÙ SOFFERTA"

Emozione e belle parole: una conferenza stampa d'addio quasi surreale quella che è andata in scena in casa Juve. Andrea Agnelli ha salutato il tecnico dei cinque scudetti consecutivi con un discorso sincero, ma non ha spiegato i veri motivi dell'esonero: "In Allegri ho trovato un vero amico, è stata la decisione più sofferta da quando sono presidente". Più degli addii di Buffon e Del Piero. Per l'ormai ex allenatore bianconero anche un regalo speciale, una maglia con il numero 5 e la scritta "History alone". Sì, il tecnico livornese ha fatto la storia essendo l'unico ad aver vinto cinque volte consecutivamente lo scudetto.

LEGA SERIE A: HANDANOVIC MIGLIOR PORTIERE 2018/19

Lega Serie A ha istituito, a partire da quest'anno, i riconoscimenti per i migliori giocatori della stagione, che saranno premiati con un trofeo consegnato sul terreno di gioco prima della loro ultima partita casalinga. Le classifiche per ogni categoria sono state stilate secondo una ponderazione elaborata da Ernst & Young sulla base delle rilevazioni statistiche di STATS e OPTA, con l'ausilio dei dati di tracking registrati da Netco Sports. La classifica considera le gare sin qui disputate di Serie A TIM, quelle di TIM Cup e la Supercoppa Italiana. I vincitori nella prossima stagione avranno il diritto di apporre sulla propria maglia una patch celebrativa del riconoscimento di migliore per ogni categoria. "Abbiamo voluto premiare i migliori calciatori perché sono i protagonisti che contribuiscono a rendere le nostre competizioni tra le piu' affascinanti al mondo. Le classifiche sono state stilate su dati oggettivi e sistemi di monitoraggio delle performance brevettati e certificati su base scientifica" ha spiegato Luigi De Siervo, Amministratore Delegato della Lega Serie A, che ha presentato durante l'ultima Assemblea di Lega Serie A il trofeo ai Presidenti e alla stampa. I premiati e la gara di consegna del Trofeo. MIGLIOR PORTIERE: Samir Handanovic (Inter - Empoli, 38ª giornata); MIGLIOR DIFENSORE: sarà annunciato oggi alle ore 18; MIGLIOR CENTROCAMPISTA: sarà annunciato oggi alle ore 18; MIGLIOR ATTACCANTE: sarà annunciato oggi alle ore 18; MIGLIOR GIOVANE: sarà annunciato oggi alle ore 20.30; MVP - MIGLIORE IN ASSOLUTO: sarà annunciato oggi alle ore 21.

BAYERN, KOVAC: "NON MI INTERESSA IL RISULTATO DEL DORTMUND"

Manca poco più di un'ora all'ultima giornata di Bundesliga che deciderà l'assegnazione del titolo. Bayern e Borussia Dortmund infatti sono divise da appena due punti ma il tecnico Niko Kovac ha assicurato che penserà solo alla propria squadra: "Non ho chiesto i risultati fatti dal Dortmund di recente e non lo farò neanche questo weekend. Siamo in una situazione in cui abbiamo il destino nelle nostre mani. Non mi interessa cosa farà il Dortmund. Questo non ci influenzerà affatto".

ATALANTA, GASPERINI: "POSTUMI COPPA ITALIA? PSICOLOGICAMENTE CI SENTIAMO STRAVINCITORI"

L'Atalanta si rituffa in campionato dopo il ko in Coppa Italia contro la Lazio: c'è la Juve allo Stadium e c'è una sfida che può essere decisiva per raggiungere il traguardo della qualificazione in Champions League. Imperativo categorico per i bergamaschi è lasciarsi alle spalle la delusione per la finale persa all'Olimpico: "Ora non pensiamo alla Coppa, pensiamo al campionato" ha esordito in conferenza stampa Gasperini. "Ci saranno due giornate decisive, siamo ormai alla penultima. Difficile dire che sia decisiva, anche perché c'è la partita successiva. Ci buttiamo sul campionato con tutte le forze, cercando di dare il massimo. Psicologicamente siamo usciti dalla finale di Coppa Italia stravinictori, ancora più voglia di buttarci sul campionato. Veniamo fuori da questa partita con più convinzioni, ma ora l'abbiamo cancellata. Noi abbiamo degli altri traguardi, per la Lazio era l'ultima chance, noi abbiamo ancora la fortuna di giocarci punti per l'Europa League e per la Champions. Ormai siamo in trance agonistica da mesi. Siamo dentro ad un calendario incredibile, ma le affrontiamo ricaricando energie fisiche e mentali. Forse ci abbiamo fatto l'abitudine, indubbiamente è la nostra forza. Domani l'impegno è molto difficile, in casa della Juve che ha stravinto il campionato e con una festa in atto. Giocare sul campo della Juve è sempre molto difficile, se riusciamo a fare risultato corriamo il rischio di arrivare terzi o fuori da tutto".

SAMP, GIAMPAOLO: "CHIUDIAMO IN MANIERA DIGNITOSA"

La Sampdoria farà visita al Chievo nel penultimo match del campionato: "Giochiamo contro una squadra che non ha più motivazioni, se vogliamo noi ci troviamo nella stessa condizione - dice Giampalo alla vigilia -. Siamo sul punto di prevalere dal punto di vista tecnico. Sfondare il muro dei 50 sarebbe opportuno, chiudere in maniera dignitosa altrettanto. Rispetto allo scorso anno siamo migliorati, al di là dei numeri siamo stati capaci di stare dentro la partita fuori casa. Siamo migliorati nella tenuta mentale ma non sufficiente bravi per fare il salto di qualità. Le sensazioni che ho avuto nelle partite sono state sensazioni di inerzia. La squadra un po' più consapevole ma bisogna migliorare. Paradossalmente abbiamo fatto meno punti in casa ma mantenere quello score sarebbe stato difficile". Quagliarella vuole vincere la classifica marcatori: "Fabio gioca per il suo obiettivo personale. Sta bene, in allenamento lo vedo motivato perché giustamente ci tiene. Farà di tutto per non farsi sfuggire l'obiettivo che è alla portata. Sarebbe una piccola vittoria, personale ma anche di squadra. La Samp non ha avuto grandi difficoltà a mandare in gol i calciatori, deve trovare più equilibrio fra le proposte offensive ed essere forti difensivamente". Sul futuro: "Non ci sono da fare percentuali ma da confrontarsi e parlare. Non ho elementi dalle mie ultime dichiarazioni. Non c'è niente da aggiungere. Ci troveremo e capiremo qual è la cosa migliore".

FROSINONE, BARONI: "MILAN? VOGLIAMO FARE UNA BELLA PARTITA"

Il Frosinone è già matematicamente retrocesso, ma domani contro il Milan, a San Siro, ha intenzione di giocarsela: "Sarà una partita bellissima giocata in uno stadio che sarà pienissimo - dice il tecnico Baroni alla vigilia -. Il Milan è una grandissima squadra ed è in corsa per un obiettivo molto importante. Dovremo giocare con il piglio giusto, conosciamo le difficoltà che andremo a incontrare ma vogliamo fare una bella partita. Salamon, Chibsah e Gori non sono convocati, mentre per quel che riguarda Viviani parlerò con lui dopo l'allenamento. Paganini ieri si è allenato, oggi sarà un ulteriore verifica. Ho un dubbio per reparto, vedremo. Bardi titolare? Probabilmente sì. Scioglierò il dubbio solo oggi e parlerò con Sportiello. È comunque una possibilità per queste ultime due partite di campionato". Ancora da decidere il futuro dell'allenatore: "Con il presidente abbiamo già parlato e ci incontreremo a fine campionato. L'attenzione per ora è rivolta a queste due gare. Mi dispiace per il match con l'Udinese perché non abbiamo fatto male ma il risultato ci ha punito".

MAN CITY, DE BRUYNE AMMETTE: "NON SPIACE PER IL LIVERPOOL"

Manchester City-Liverpool sta continuando a parole. Kevin De Bruyne infatti in un'intervista rilasciata a Sky Sports ha ammesso chiaramente di non essere dispiaciuti per i Reds che hanno perso il titolo ancora una volta: "È stato uno sforzo notevole, ma significa che alla fine siamo stati solo migliori di loro. Non mi dispiace per loro perché non penso che loro si dispiacerebbero per noi nella stessa situazione, non credo che nessuno si sia sentito dispiaciuto per il modo in cui siamo usciti dalla Champions League. Posso capire i loro sentimenti, ma sentirsi dispiaciuti per loro è forse un po' eccessivo".

FOOTBALL LEADER 2019, PREMIO SPECIALE A BATISTUTA

Football Leader 2019 si arricchisce di altri premiati prestigiosi. Un premio speciale porterà a Napoli, per la VII edizione della kermesse dell'Assoallenatori, un campione assoluto come Gabriel Omar Batistuta. Insieme a lui un riconoscimento sarà consegnato anche ad Eugenio Corini. Nello specifico, l'ex attaccante di Fiorentina, Roma e Inter Gabriel Omar Batistuta ha vinto il premio speciale "Leader per sempre - Patrimonio del calcio" di Football Leader 2019 con la seguente motivazione: 'Bomber implacabile, rappresentazione moderna del ruolo di attaccante, 300 gol in carriera ne hanno fatto un centravanti di razza, di personalità. Le doti tecniche, la potenza, la personalità, la carica emotiva e la passione per il calcio lo hanno elevato a formidabile esempio per tutti i calciatori'.

VIERI: "LA JUVE DI ALLEGRI NOIOSA"

Christian Vieri, ex attaccante di molte big della nostra Serie A e della Nazionale, ha parlato alla Gazzetta dello Sport dell'addio di Allegri alla Juve: "Adesso serve un tecnico di esperienza e vorrei vederla giocare meglio di quest'anno dove non mi sono mai divertito. Ha il dovere di essere anche bella oltre che vincente".

BENEVENTO, MASTELLA: "IL SINDACO DI PALERMO MINACCIA"

"Il collega sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, per difendere le ragioni contro la retrocessione della squadra della sua città, non argomenta ma minaccia. Io credo che i playoff debbano andare avanti, come è giusto che sia, e bisogna rispettare il responso della giustizia sportiva. Non è la prima volta che capitano infortuni economici societari. Stavolta, e mi dispiace, è toccato al Palermo. Quanto, però, alla voce grossa di Orlando, proprio non è accettabile". Lo scrive in una nota il sindaco di Benevento, Clemente Mastella.