Calcio

Notizie dal mondo del calcio

Tutte le news in tempo reale

Tempo reale

Le news di giornata

TORINO, MAZZARRI: "STIAMO RACCOGLIENDO POCO"

"Siamo stati ingenui. Abbiamo fatto tirare uno da terra per due volte mentre noi eravamo in tre intorno. Non abbiamo concesso niente su azione fino al secondo gol". E' rammaricato il tecnico del Torino Walter Mazzarri al termine della gara persa 3-2 dalla sua squadra contro la Roma. "Noi commettiamo queste ingenuità, le facciamo un po' troppo spesso, peccato perché secondo me giochiamo bene - ha aggiunto a Sky - . E' un momento in cui non gira niente: creiamo tanto e stiamo raccogliendo poco, è un periodo un po' così. La rete di Zaniolo? E' stato bravo e reattivo, ha questa fame addosso. Noi ogni tanto ci addormentiamo, ci vuole malizia e attenzione. Il calcio è fatto di queste cose".

ROMA, EL SHAARAWY: "GRANDE CUORE"

"Sono tre punti veramente importanti, più che altro per una partita sofferta. Abbiamo fatto bene nel primo tempo, nel secondo siamo mancati un po in concentrazione, abbiamo avuto qualche disattenzione, però siamo riusciti ad andare in vantaggio e tenerla fino alla fine". Così Stephan El Shaarawy, attaccante della Roma, dopo la vittoria sul Torino. "Grande prova, grande prestazione, grande cuore", ha spiegato a Sky. "Sono entrato a freddo, senza riscaldamento, non era semplicissimo. Però, con l'aiuto anche della squadra, siamo riusciti a portare a casa la partita e questo è l'importante", ha aggiunto il giallorosso autore della rete del 3-2. "Da noi un messaggio forte in vista della volata Champions? Assolutamente. È un obiettivo quello di arrivare al quarto posto, per cui siamo contenti. Dobbiamo continuare sulla nostra strada, facendo il nostro gioco e i risultati sicuramente arriveranno", ha concluso.

FROSINONE, BARONI: "GARA DURA MA SONO FIDUCIOSO"

"Sarà una partita molto complicata, ma sono fiducioso". Così l'allenatore del Frosinone Marco Baroni alla vigilia della sfida interna contro l'Atalanta. "Affrontiamo una tra le squadre più in forma della Serie A, mi aspetto 90' molto fisici e con tanti duelli in mezzo al campo. Noi dobbiamo giocare la nostra partita con coraggio, senza alcuna paura. Spesso nelle difficoltà si trovano le motivazioni e la forza per fare grandi cose".

CAGLIARI, MARAN: "RIPARTIRE COL PIGLIO GIUSTO"

"Vogliamo riprendere il campionato dopo la sosta col piglio giusto. Ripartiamo dai segnali positivi mostrati lunedì scorso nella partita di coppa, cambiando magari il risultato". E' questo il messaggio che Rolando Maran lancia alla sua squadra alla vigilia del match interno contro l'Empoli. "Ho visto che abbiamo ritrovato le distanze e siamo riusciti ad aggredire - ha aggiunto l'allenatore del Cagliari in conferenza stampa tornando sulla sconfitta in Coppa Italia - la gara contro l'Atalanta ci ha lasciato la consapevolezza che quando giochiamo così, possiamo diventare temibili per tutti". In vista del match con i toscani "dobbiamo avere i ritmi giusti, la pazienza e la lucidità necessaria per affrontare l'impegno nel modo adeguato. Tutto passa da noi - ha sottolineato l'ex tecnico del Chievo - . Sarà fondamentale riuscire a capitalizzare, ma questo fa parte della crescita. Siamo consapevoli comunque di essere migliorati rispetto alle ultime uscite". Maran ha sottolineato che "nel corso del girone d'andata siamo cresciuti molto, ho visto più cose positive che negative. Attraverso questa crescita dobbiamo trovare continuità e rabbia per partire bene nel girone di ritorno". A proposito dell'avversario, l'allenatore dei sardi ha evidenziato che "l'Empoli di Iachini concede poco, è una squadra battagliera, difficile fare paragoni con la squadra che abbiamo affrontato all'andata. Ci metterà nelle condizioni di giocare male, spetterà a noi trovare la velocità necessaria per colpirli nei loro punti deboli", ha concluso.

DONNE, L'ITALIA U.19 BATTE L'IRLANDA

Due giorni dopo il successo per 3-1 nella prima amichevole, la Nazionale Under 19 femminile concede il bis battendo 2-0 le pari età della Repubblica d'Irlanda nella seconda sfida disputata questa mattina sul campo 10 del Centro di Preparazione Olimpica 'Giulio Onesti' di Roma. Se nel match di giovedì la grande protagonista era stata Melissa Bellucci, autrice di una doppietta, un'altra ragazza classe 2001, Serena Landa, si è presa la scena realizzando in apertura e chiusura di primo tempo le due reti del successo. Prosegue quindi spedita la marcia di avvicinamento alla Fase elite dell'Europeo in programma dal 3 al 9 aprile presso il Centro federale inglese di St. George's Park a Burton upon Trent, dove l'Italia dovrà vedersela con le padrone di casa dell'Inghilterra, Svezia e Turchia.

EMPOLI, IACHINI: "IL MERCATO NONCI DISTRAE"

Dopo la sosta invernale l'Empoli torna in campo a Cagliari. Alle spalle ci sono quattro sconfitte consecutive, un periodo con tante voci di mercato e anche la cessione del giovanissimo Traoré alla Fiorentina, che però resterà a Empoli come titolare fisso. Anche domani in Sardegna, dove però Beppe Iachini deve fare a meno di mezzo centrocampo e non solo. Bennacer e Krunic sono squalificati, La Gumina infortunato, in forte dubbio anche Capezzi e Antonelli. Per questo Zajc avrà un ruolo importante. A spiegarlo è lo stesso Iachini: "Capezzi non è ancora out, vediamo gli ultimi due allenamenti. E' una situazione su cui sto lavorando, c'è anche la carta Ucan ma devo pensarci. Dobbiamo verificare alcuni aspetti, giochiamo contro un avversario che schiera il trequartista e quindi dovremo valutare bene la situazione. Zajc? Lo considero un titolare, con me ha sempre giocato. Ha caratteristiche che gli permettono di essere un'arma in piu' per cambiare la squadra o la partita. Mi aspetto che abbia le potenzialita' per essere un jolly, può fare il trequarti ma anche l'interno o l'attaccante. Ci stiamo lavorando". Il periodo di mercato porta qualche distrazione fra i giocatori. "Sei ci sono richieste per i nostri giocatori vuol dire che li stiamo valorizzando e questo è certamente positivo. Le voci ci sono per tutti, ho parlato chiaro ai ragazzi e ho detto loro che dobbiamo essere bravi a non farci distrarre". Intanto Traoré è della Fiorentina. "Mi fa piacere - spiega Iachini - aver dato un contributo per valorizzare questo ragazzo, se la società ha ritenuto opportuno fare questa operazione è giusto che lo abbia fatto. Lui è un 18enne con la testa di un trentacinquenne, il suo futuro passa da qui e sono sicuro che darà il massimo fino alla fine del campionato. Ci ho parlato e gli ho detto che non conta quello che ha fatto ma conta quello che fara' a Empoli in questi cinque mesi".

LAZIO, INZAGHI: "KOULIBALY OUT E' UN VANTAGGIO PER NOI"

"Dobbiamo cominciare il girone di ritorno come era finita l'andata, cioè giocando bene a calcio e facendo un risultato positivo a Napoli". Così Simone Inzaghi in conferenza stampa in vista del big match contro gli azzurri. "Hanno assenze importanti, sicuramente non sono abituati all'assenza di Koulibaly - ha aggiunto -. Per noi è un vantaggio, ma per chiunque giocherà domani del Napoli non sarà certo un esordio"."Domani voglio vedere i miei giocatori molto concentrati propositivi e con grande personalità - ha proseguito -. Dovremo essere bravi ad andare a far punti al San Paolo dove non ci è riuscito nessuno finora. Sarà difficile ma possiamo farlo".

SAMP, GIAMPAOLO: "GABBIADINI NON GIOCHERA' DAL 1'"

Marco Giampaolo presenta la sfida contro la Fiorentina. "Mi aspetto un avversario forte, ma ce la siamo giocata alla pari con tutti. E così deve essere anche domani. Hanno fisicità e valori individuali - ha spiegato l'allenatore della Sampdoria - Barreto e Linetty sono fuori, giocherà Jankto. Gabbiadini? Lo vedo con grande entusiasmo. Questa è una cosa molto molto importante. Vediamo se domani giocherà, ma non dal primo minuto ad ogni modo. E' un innesto di qualità".

CHAMPIONS, SVELATO IL PALLONE DELLA FINALE

Adidas ha svelato il pallone ufficiale della finale di UEFA Champions League 2019, che si giocherà al Wanda Metropolitano di Madrid. Partendo da una base simile agli anni precedenti, il nuovo pallone presenta i colori invertiti, con stelle bianche e un'innovativa livrea rossa che presenta al suo interno la rappresentazione grafica dello stadio dell'Atletico Madrid, sede della finale del 1° giugno. Il pallone ufficiale 'Madrid Finale 19' mette in evidenza le iconiche stelle delle serate di UEFA Champions League, in netto contrasto con la colorazione rossa del resto del pallone. Una grafica digitale a tre livelli e' stata creata per dare al prodotto un aspetto moderno e audace. Il pallone è stato realizzato con una tecnologia di ultimissima generazione per garantire che i migliori calciatori del mondo possano esprimersi nel miglior modo possibile in UEFA Champions League. Il rivestimento esterno - presente in tutti i palloni delle partite ufficiali di UEFA Champions League - offre ai calciatori una presa sicura e un controllo completo, mentre i pannelli a forma di stella incollati termicamente, forniscono una superficie perfetta per un primo tocco migliore. Il 'Madrid Finale 19' sarà utilizzato per le rimanenti gare di questa edizione di UEFA Champions League, già a partire dagli ottavi di finale di febbraio.

Le news di giornata

JUVENTUS, BERNARDESCHI: "A 16 ANNI RISCHIAI DI SMETTERE"

Federico Bernardeschi ha rivelato un retroscena di quando aveva 16 anni: "Stavo per entrare nella Primavera della Fiorentina quando i medici trovarono un problema al cuore, dissero che era allargato. Mi dissero che non sapevano se avrei potuto continuare a giocare, mi sono dovuto fermare sei mesi, i più lunghi della mia vita. Quel momento mi ha reso consapevole della fragilità del mio viaggio, godo meglio i miei successi" le parole a The Player's Tribute.

LIGA, POKER DEL GETAFE SULL'ALAVES

Nell'anticipo della 20.ma giornata di Liga clamorosa sconfitta dell'Alaves sul campo del Getafe che si avvicina a un solo punto proprio dai rivali: al Coliseum Alfonso Perez finisce 4-0  grazie alle doppiette di Mata (33' e 88') e Molina (46' e 55'). Siviglia e Real Madrid rimangono rispettivamente a +1 e +2 da Alaves e Getafe.

LIGUE 1, IL LILLE ALLUNGA SUL TERZO POSTO

Nonostante essere andato in svantaggio dopo cinque minuti per la rete di Otero e aver sbagliato un rigore al 39' con Pepe, il Lille rimonta l'Amiens, vince 2-1 e conferma il secondo posto in Ligue 1 riallungando sul terzo del St. Etienne. Nel match della 21.ma giornata, in rete per i padroni di casa Leao e Xeka.

ITALIA FEMMINILE, 2-1 ALLA CINA IN AMICHEVOLE

Un gol di Stefania Tarenzi in pieno recupero consente alla Nazionale femminile di battere 2-1 il Cile in rimonta e di vincere la prima amichevole di un 2019 che a giugno vedrà l'Italia tornare dopo vent'anni a giocarsi la fase finale del Mondiale di calcio. Un successo meritato quello delle Azzurre, andate sotto a inizio ripresa dopo aver collezionato almeno cinque palle gol e capaci di ribaltare il risultato nel finale grazie alle reti di Mauro e dell'attaccante del Chievo Verona, entrata in campo da soli dieci minuti e subito decisiva. "È una vittoria molto sofferta - il commento del tecnico Milena Bertolini - ma più che meritata. Sapevamo che il Cile era una squadra aggressiva, dobbiamo migliorare ed essere piùdeterminate nei contrasti. L'obiettivo di queste partite è quello di far crescere le ragazze perché vogliamo 23 titolari e queste amichevoli ci aiutano ad inserirci in un clima di sfide internazionali di un certo livello".

JUVENTUS, PRIMA DEL CHIEVO FESTA CON LA SUPERCOPPA

Una festa per celebrare la conquista della Supercoppa italiana farà da prologo, lunedì sera a Juventus-Chievo. Il trofeo vinto a Gedda battendo il Milan con un gol di Cristiano Ronaldo, sarà sollevato al cielo davanti al pubblico dell'Allianz Stadium dai giocatori bianconeri prima del riscaldamento pre-partita.

MILAN: "A FIANCO DELL'INTER CONTRO IL RAZZISMO"

Dopo il lancio della campagna social anti-razzismo dell'Inter, dal titolo 'BUU', Brothers Universally United, fratelli universalmente uniti, ecco la risposta su Twitter dei 'cugini'. "Il Milan è al fianco dell'Inter nella lotta contro il razzismo. Perché ci sono sfide in cui non esistono colori e che vanno oltre ogni rivalità", si legge sull'account ufficiale dei rossoneri.

CHIEVO, CONFERMATI I 3 PUNTI DI PENALIZZAZIONE

Il Collegio di Garanzia del Coni ha respinto il ricorso presentato del Chievo Verona riguardo i tre punti di penalizzazione assegnati ai veneti ad inizio stagione. La società era stata penalizzata per aver sottoscritto le variazioni di tesseramento di alcuni calciatori indicando un corrispettivo superiore al reale.

GENOA, I TIFOSI: "FUORI DALLO STADIO CONTRO IL MILAN"

"Noi staremo fuori" dallo stadio. Lo annuncia la tifoseria organizzata della Gradinata Nord del Genoa che conferma la volontà di disertare la sfida tra Genoa e Milan di lunedì prossimo alle ore 15. "La conferma dell'Osservatorio di mantenere l'incontro alle ore 15 rende la nostra decisione di non entrare allo stadio inevitabile - scrivono i tifosi in una nota ufficiale -. Non può essere scelto un orario del genere, in un giorno lavorativo, per far disputare una partita di calcio". "Noi siamo per un calcio diverso e lo dimostreremo andando tutti insieme domenica al Pio Signorini alle ore 14, per la rifinitura della squadra, colorandolo della nostra passione e con i nostri colori. Perché per noi la domenica e' del pallone ed il lunedì alle 15 deve esserci spazio per altro nella vita" concludono i gruppi della Gradinata Nord, cuore del tifo genoano.

CONFERMATI I DUE TURNI DI STOP PER MEITE'

La Prima Sezione della Corte Sportiva D'Appello Nazionale ha respinto il ricorso di Soualiho Meité, confermando la squalifica per due giornate inflitta al centrocampista del Torino in seguito alla gara con la Lazio dello scorso 29 dicembre.

RESPINTO IL RICORSO PER KOULIBALY

Kalidou Koulibaly non potrà giocare domenica contro la Lazio, dovendo scontare la seconda delle due giornate di squalifica inflitte dal giudice sportivo dopo l'espulsione in Inter-Napoli del 26 dicembre. La Corte federale d'appello ha infatti respinto il ricorso del difensore senegalese del Napoli, che chiedeva lo sconto di una giornata.

COPPA DEL RE: SIVIGLIA-BARCELLONA AI QUARTI

Sono stati sorteggiati nel pomeriggio di venerdì gli accoppiamenti dei quarti di finale di Coppa del Re (andata 22-23-24 gennaio, ritorno 29-30-31 gennaio).

Real Madrid - Girona
Getafe - Valencia
Siviglia - Barcellona
Espanyol - Betis

JUVE, DOUGLAS COSTA IN GRUPPO

Dopo il giorno di pausa concesso ieri da Massimiliano Allegri, la Juventus è tornata ad allenarsi nel primo pomeriggio di oggi in vista del match di lunedì sera contro il Chievo. Per i bianconeri seduta intensa, contraddistinta prima da una fase di lavoro atletico e poi da una serie di esercizi con la palla. I giocatori si sono concentrati sulla velocità e precisione dei passaggi, sull'occupazione degli spazi e sulla reattività. Douglas Costa, che aveva accusato crampi a Gedda, si è regolarmente allenato con la squadra, mentre Pjanic e Bentancur (contusione) hanno svolto le terapie previste. Domani la squadra torna ad allenarsi, al mattino, al JTC Continassa.

ATALANTA, ZAPATA: "CONTRO BONUCCI IL MIO GOL PIU' BELLO"

"Questo è il periodo più importante della mia carriera. Ho segnato 50 gol in Serie A". Duvan Zapata, attaccante dell'Atalanta, si è confessato a Dazn. Il colombiano è arrivato a Bergamo in estate: "Mi sono stupito di me stesso dopo i miei 9 gol consecutivi. Ho fatto un po' di fatica quando sono arrivato, ho dovuto assimilare concetti che non avevo mai sentito in dieci anni di carriera. Gasperini mi chiede di non giocare sempre spalle alla porta e solo di sponda, per lui devo essere posizionato bene con il corpo, piu' orientato verso la porta per approfittare degli spazi. All'inizio mi diceva: 'Guarda, Duvan, devi giocare in modo diverso, non si fa più come sei abituato, qui si gioca così e per noi è fondamentale che tu lo faccia'. A me - ha aggiunto l'attaccante - piace allargarmi sull'esterno, per prendere spazio e lanciare avanti il pallone, così sfrutto la mia potenza e la mia forza". "Il mio gol più bello è quello alla Juve, contro Bonucci, un top del ruolo", ha continuato il colombiano. "E forse ho un rapporto 'speciale' con lui, visto che quando ero all'Udinese avevo segnato superandolo di potenza". "Giocare con Gomez e Ilicic è determinante, possono creare occasioni in qualsiasi momento. Se non segno con loro, non segnerò mai più nella mia vita...", ha sorriso Zapata indicando poi il suo obiettivo. "Fare meglio dell'anno scorso, quando ho segnato 11 gol. Ora sono a 10 in campionato e voglio segnare il più possibile". Quindi si è soffermato sugli allenatori avuti nella sua carriera in Italia: "Benitez mi chiedeva di avere grande mobilità sulle gambe, di essere reattivo, di giocare sempre con velocità il pallone negli spazi stretti. Da Giampaolo ho imparato tanto: con lui devi muoverti sempre in relazione a ciò che fa l'altra punta. Se l'altra punta è lato palla, ad esempio, devi essere velocissimo ad attaccare la profondità".

COPPA ITALIA, VARIATO L'ORARIO DI FIORENTINA-ROMA

Fiorentina-Roma, match valido per i quarti di Coppa Italia e in programma per il prossimo 30 gennaio, cambia orario. Il fischio d’inizio è stato posticipato di 45 minuti quando al Franchi saranno le 18,15. 

INTER, DE VRIJ: "MI HA VOLUTO SPALLETTI"

"Ricordo la chiamata di Spalletti, non molto prima del momento in cui presi la decisione di venire all'Inter. Mi spiegava perché fosse un bene che io venissi a Milano". Il difensore dell'Inter Stefan De Vrij svela così il retroscena del suo arrivo in nerazzurro la scorsa stagione. "Mi ha spiegato che sarebbe servito per la mia crescita personale e anche per la crescita della società. Poi lui ovviamente non è stato l'unico motivo che mi ha spinto a venire qui", ha proseguito De Vrij, intervistato da Dazn. "Le nostre prestazioni? C'è sempre da migliorare, riguardo sempre le nostre partite, da solo e con i miei compagni di difesa. I dettagli fanno la differenza. Godin? Sono scelte della societa', vedremo. Icardi? In questo partita lo vedo tranquilli e concentrato, non noto cambiamenti". Conclusione dedicata ai fatti di Inter-Napoli. "I buu a Koulibaly? Durante la partita non me ne sono accorto, quando ha preso il rosso però ci ho pensato per un attimo, ma non ero sicuro. Poi a fine partita ho visto che avevo ragione. San Siro vuoto? Io quando l'arbitro fischia mi concentro solo sulla partita, mi isolo, ma è chiaro che sia più bello giocare con i tifosi e lo stadio pieno", ha concluso De Vrij.

SERIE B, CAMBIA L'ORARIO DI BRESCIA-SPEZIA

La Lega Serie B ha reso noto che l'incontro tra Brescia e Spezia, valido per la 21esima giornata del campionato cadetto, inizialmente in programma per domenica 27 gennaio alle ore 21, verrà disputata alle ore 18 dello stesso giorno.

ROMA, SINDACO RAGGI: "STADIO SI FARA' E BENE"

"Stamattina ho ribadito che a Roma lo stadio si farà e sarà .UnoStadioFattoBene". Così su Twitter il sindaco di Roma, Virginia Raggi.

PARMA, LA RICETTA DI D'AVERSA: "CON L'UDINESE CATTIVERIA E DETERMINAZIONE"  

D’Aversa, tecnico del Parma, ha la ricetta per uscire imbattuto contro l’Udinese nella gara che si disputerà alla Dacia Arena: “Contro di loro serviranno cattiveria e determinazione. Dovremo fare una partita al massimo, a partire dalle piccole cose, prestando attenzione a tutto a partire dai contrasti e dall'atteggiamento. Nicola lo conosco bene e sta facendo bene come aveva fatto nella sua esperienza a Crotone, ho grande stima di lui. Ha fatto 9 punti in 7 partite, ha dato equilibrio e sta facendo molto bene”.

SASSUOLO, DE ZERBI: "CI VUOLE LA PARTITA PERFETTA"

Alla vigilia di Inter-Sassuolo, Roberto De Zerbi ha parlato in conferenza stampa del match di San Siro: “Sia il Napoli che l’Inter sono squadre forti, con caratteristiche diverse. Noi dobbiamo fare una partita come quella di Napoli, senza gli errori che hanno portato ai loro gol e migliorando l’ultimo passaggio. Spesso noi facciamo tutto, poi l’ultimo passaggio o il penultimo ci impediscono di calciare in porta. Gli infortuni sono l’unica cosa che mi dà un po’ di nervosismo e preoccupazione, siamo nella norma per numero di infortuni, ma sono in ruoli delicati e determinanti e anche su giocatori importanti. Boateng è stato fuori tanto ed è chiaro che ha bisogno di tempo. Ora c’è Marlon fuori, Magnani ha alternato cose buone e meno buone, ha bisogno di tempo per adattarsi alla serie A. Porte chiuse allo stadio? Sono contro, si punisce tutti per la responsabilità di pochi, si spara nel mucchio per non prendersi delle responsabilità. Ci adeguiamo, dobbiamo stare alle decisioni degli altri".

TORINO, MAZZARRI: "A ROMA VOGLIO UNA GARA TOSTA"

Tante assenze nel Torino, che ricomincia il campionato dalla trasferta contro la Roma. Avversario non dei migliori per chi deve scrollarsi di dosso l'eliminazione dalla Coppa Italia, "ma il calcio è fatto anche di delusioni e bisogna reagire subito. Siamo tutti arrabbiati e spero che quello che abbiamo dentro si trasformi in qualcosa di importante", osserva mister Mazzarri, che al nuovo anno chiede per prima cosa "di fare una grande gara, in uno stadio importante e contro una squadra forte". Il morale non è dei migliori. "Da qualche partita raccogliamo meno di quanto seminiamo, bisogna essere piu' concreti quando sviluppiamo il nostro gioco", è la ricetta dell'allenatore granata, tra i convocati tre giocatori della Primavera per le assenze degli squalificati Meité e Izzo e degli infortunati Moretti e Baselli. I problemi maggiori riguardano il centrocampo, dove tra i convocati c'è Lukic, ma anche il giocatore serbo non è al meglio. "Ha fatto oggi il primo allenamento, vediamo...", si limita a dire Mazzarri, senza dare indicazioni di formazione". "Giochiamo contro un allenatore preparato e contro una squadra forte - spiega - non voglio dare vantaggi, mi garberebbe sfruttare tutto. Dico solo che faremo una partita importante, il resto lo vedrete domani". Attenzione dunque alle sorprese, dove può avere una chance baby Adopo, millennial - è nato il 18 luglio 2000 - di nazionalità francese prelevato lo scorso anno dal Torcy, vera e propria fucina di talenti. "Ha una struttura fisica importante - dice Mazzarri del 'Pogba granata' - Deve migliorare in aggressività e cattiveria agonistica, ma in futuro potrebbe diventare importante, come Millico", 18enne dal gol facile: ne ha realizzati 21 in 14 partite, trascinando la Primavera al primo posto in campionato. L'attacco, però, è l'unico reparto nel quale Mazzarri può scegliere. "Zaza è recuperato - conclude - Cosa mi aspetto quest'anno da lui? Quello che chiedo a tutti: che dia il massimo quando gioca...".

ATALANTA, GASPERINI: "FREULER SI E' FERMATO"

L'Atalanta, in vista della partenza anticipata (sabato mattina) per Frosinone, ha già un contrattempo. "Fino a stamattina stavano tutti bene, poi s'è fermato Freuler per una sospetta contrattura ed è da valutare domani", annuncia l'allenatore Gian Piero Gasperini. "Non sarà facile per domenica, però gli altri sono tutti a posto: se non giocasse Remo, ci sarebbero Pessina o Pasalic", prosegue il tecnico nerazzurro. Che non intende prendere l'impegno sottogamba: "Non sarà la penultima posizione dell'avversario di turno a pesare sul confronto: è chiaro che deve uscire da una situazione difficile, avendo vinto una sola partita, ma la differenza di punti non conta niente e le partite diventano decisive per tutti".

PARMA, BRACCIO DI FERRO DI LIZHANG

Jiang Lizhang, l'ex presidente del Parma Calcio 1913 declassato ad azionista di minoranza lo scorso 23 ottobre con la sua societa' Link, continua la battaglia per riconquistare i vertici del club emiliano. Oggi, con una nota, Link comunica di non avere solo sottoscritto l'aumento di capitale per l'attuale 30% del pacchetto azionario (come aveva comunicato lo stesso Parma Calcio 1913 una settimana fa) ma anche di avere depositato un ulteriore 30% considerandosi ancora azionista di maggioranza della societa' di calcio. Complessivamente Link avrebbe versato circa 7 milioni di euro, meta' direttamente nelle casse del club e metà in deposito presso il notaio Napolitano & Caricato di Milano. E' questo l'ultimo atto del braccio di ferro fra Nuovo Inizio spa, la societa' che rappresenta un gruppo di imprenditori parmigiani, e il magnate cinese che accusa l'attuale maggioranza di aver compiuto "azioni illecite" e annuncia il ricorso a vie legali.

UDINESE, NICOLA: "ASSENZE? HO ALTRE SOLUZIONI"

"Abbiamo qualche defezione in più rispetto al previsto, ma non è una cosa che posso controllare. Mi sono concentrato su alcuni esperimenti, abbiamo potuto lavorare in questi 14 giorni su diverse soluzioni di gioco". Lo ha detto il tecnico dell'Udinese Davide Nicola che per la gara di domani con il Parma dovrà fare i conti con una lunga lista di indisponibili tra squalificati, Pussetto e Mandragora, e infortunati, Teodorczyk, Barak, Badu e Samir. "Okaka? Credo molto in lui. E' un giocatore con caratteristiche diverse da quelle che avevamo, saranno utili quando sarà in forma. Abbiamo bisogno e necessità di integrarlo subito - ha aggiunto -. Domani può subentrare o partire dall'inizio. Tolto Teodorczyk che spero di avere tra un mesetto e Pussetto squalificato, gli altri davanti sono lui, Lasagna, Machis e De Paul se vogliamo considerarlo davanti".

VENTURA: "SBAGLIATA LA SCELTA DI FARE IL CT"

"Accettando l'Italia ho fatto una scelta sbagliata, mi sarei dimesso anche in caso di Mondiali. Ma sono state dette tante bugie ed è stata la cosa che mi ha fatto piu' male". Gian Piero Ventura torna sulla sua esperienza da ct della Nazionale a Sky Sport. "In tanti anni ho avuto la fortuna di fare scelte azzeccate - ha esordito Ventura - , ma la penultima scelta (quella di accettare il ruolo di ct della Nazionale) è stata sbagliata da parte mia. Ho fatto una cosa che non avrei mai dovuto fare. La scelta di accettare il Chievo, invece, è stata fatta per una questione di amicizia, la questione del rapporto è andata oltre l'aspetto tecnico. Per 34 anni ho fatto l'allenatore, mentre per un anno e mezzo il ct. Per questo dico che ho una grande voglia di concludere o comunque di continuare quello che ho sempre fatto: in primo luogo perché è la mia vita, in secondo luogo perché vorrei riprendermi quello che un anno e mezzo mi ha cancellato".

FIGC, KOULIBALY PRESENTE AL RICORSO PER LA SQUALIFICA

E' giunto alla corte federale d'appello della Figc il calciatore del Napoli Kalidou Koulibaly, accompagnato dal presidente partenopeo Aurelio De Laurentiis e dall'avvocato Mattia Grassani. A breve sarà discusso il ricorso contro la seconda giornata di squalifica comminata al senegalese per l'espulsione durante Inter-Napoli dello scorso 26 dicembre. L'obiettivo del club partenopeo è quello di ottenere la riduzione dalla squalifica da due a una giornata facendo leva sulle attenuanti dovute buu razzisti subiti dal giocatore a San Siro.

FIORENTINA, PIOLI: "OBBLIGATI A FARE MEGLIO"

Dopo il successo in Coppa Italia, il campionato della Fiorentina riparte con un imperativo: fare meglio del girone d’andata. Lo dice Pioli alla vigilia della sfida contro la Sampdoria, gara non banale per la corsa ai piazzamenti che valgono l’Europa: “Abbiamo chiuso il girone di andata a 26 punti, chiudere quello di ritorno a 52 non mi soddisferebbe, quindi siamo obbligati a fare meglio. La vittoria di Coppa Italia con il Torino ci ha trasmesso fiducia e convinzione, dobbiamo ripeterci contro la Samp: non sarà decisiva in ottica europea, ma è una sfida molto importante”.