Premier: cade il Chelsea, pari tra United e Arsenal

Vincono Liverpool e Tottenham, pareggio del Fulham di Ranieri contro il “suo” Leicester

Premier: cade il Chelsea, pari tra United e Arsenal

Il turno infrasettimanale di Premier League costa caro al Chelsea di Sarri che si fa rimontare dal Wolverhampton (2-1) e trova la seconda sconfitta stagionale. Finisce in parità (2-2) la sfida più attesa tra United e Arsenal, con la squadra di Mou che riprende due volte i Gunners. Vince in rimonta il Liverpool (3-1 esterno al Burnley) e s’impone anche il Tottenham 3-1 al Southampton). Il Fulham di Ranieri fa 1-1 con il Leicester, così come l’Everton col Newcastle.

MANCHESTER UNITED-ARSENAL - La prima vera chance del match capita al 5’ allo United, con un gran tiro da fuori di Rashford che Leno riesce a bloccare. L’Arsenal risponde al 20’ quando Kolasinac crossa al centro per Bellerin, anticipato però di un soffio, al momento del tiro, da Darmian. I gunners passano al 26’, sugli sviluppi di un corner, con un colpo di testa di Mustafi (e dopo il ricorso alla goal-line technology) su cui però sono evidenti le responsabilità di De Gea. Il Manchester non ci sta e trova l’1-1 appena quattro minuti dopo: punizione di Rojo, miracolo di Leno ma sulla palla irrompe Martial che firma il pareggio. Al 35’ riecco l’Arsenal con un tiro di Ramsey che Matic devia in angolo. Nella ripresa l’uno-due tra Gunners e Red Devils è ancora più serrato: al 65’ entra Lacazette che appena tre minuti dopo riporta avanti gli ospiti. Passano due minuti e, su un lancio di Rojo per Lukaku, il belga prova a servire Lingard che, sfruttando un pasticcio difensivo, firma il nuovo pareggio. L’Arsenal non ci sta e un minuto dopo sfiora il terzo gol con Aubameyang, ma è l’ultima fiammata: finisce 2-2.

BURNLEY-LIVERPOOL
- Il Liverpool cerca di prendere subito in mano la gara, ma il Burnley regge. Al 18’ Milner mette un buon pallone in mezzo ma la retroguardia di casa si salva. Al 23’ cambio forzato per Klopp: si fa male Gomez, sostituito da Alexander-Arnold. Alla mezz’ora ci prova Van Dijk di testa: palla sul fondo. Chiuso il primo tempo a reti inviolate, la gara si sblocca al 56’: Alison non trattiene un pallone sul quale si avventa Cork che porta in vantaggio il Burnley. La reazione del Liverpool è veemente: pareggio di Milner al 62’, con un tiro nell’angolino dopo un controllo pregevole; al 69’ il sorpasso grazie a Firmino (entrato al 65’ insieme a Salah) che in scivolata sfrutta l’assist di Van Dijk e batte ancora Hart. Il Burnley non riesce a reagire ed anzi sono i Reds a trovare il terzo gol al 92’ con Shaqiri, su assist di Salah.

WOLVERHAMPTON-CHELSEA - Chelsea subito pericoloso con Hazard (tiro respinto al 6’) e Morata (conclusione alta all’11’). La squadra di Sarri passa al 18’ grazie a un destro di Loftus-Cheek che trova la deviazione “benevola” di Coady, che tocca di testa e fa infilare il pallone nella propria porta. Ancora Chelsea al 23’ con una punizione di Willian che Rui Patricio devia in corner. Wolves pericolosi per la prima volta solo al 35’, con un colpo di testa di Jimenez che però non trova la porta. Quattro minuti dopo Willian, servito splendidamente da Lazard, viene anticipato al momento del tiro da Bennett. In avvio di ripresa Loftus-Cheek serve al centro Morata, ma Boly evita il peggio. Il pareggio dei Wolves, un po’ inatteso, arriva al 59’: Gibbs-White serve in verticale Jimenez, che controlla e in diagonale fredda Kepa. Ma non è tutto, perché al 63’ il Chelsea perde una palla sulla tre-quarti, Doherty si inserisce e serve sul secondo palo Jota, che firma il ribaltone. Sarei allora inserisce Pedro e Giroux al posto di Willian e Morata ma non serve a nulla: i blues cadono e sprofondano a -10 dal City.

TOTTENHAM-SOUTHAMPTON - Il Tottenham ha da farsi perdonare il derby perso contro l’Arsenal e impiega appena nove minuti per sbloccare il match contro il Southampton grazie a un destro di game su assist di Eriksen da calcio d’angolo. Al 19’ ancora Tottenham con Lucas Loura: palla a lato. Gli ospiti ci provano con Ojbjerg (25’) ma Lloris para senza problemi. Padroni di casa insidiosi ancora con Son (31’) ed Eriksen (39’), mentre per il Southampton Gabbiadini fa molto movimento ma incide poco. La partita si chiude in avvio di ripresa, quando prima Lucas Moura trova il 2-0 (51’), poi Son sfrutta un assist di Kane e deposita ancora in rete per il 3-0 (55’). Partita praticamente finita qui, anche se in pieno recupero Austin con un bel diagonale trova il classico gol della bandiera: 3-1.

FULHAM-LEICESTER - Claudio Ranieri ritrova il “suo” Leicester da avversario per una gara fondamentale per le chance di salvezza del Fulham. Al 3’ ospiti pericolosi con Ihenacho; sei minuti dopo il Fulham ci prova su punizione con Mitrovic: nulla di fatto. Alla mezz’ora colpo di testa di Morgan e pallone di poco a lato: Leicester vicino al gol. La rete la trova invece la squadra di Ranieri grazie a una splendida azione personale di Kamara che batte Schmeichel. Nella ripresa il Fulham sembra poter controllare ma al 74’ arriva il pareggio del Leicester, con Okazaki che serve Maddison, freddo nel battere a rete per l’1-1. Nel finale non cambia più nulla e il Fulham non riesce ad abbandonare la coda della classifica, dove però aggancia a quota 9 Burnley e Southampton.

EVERTON-NEWCASTLE - L’Everton sembra poter prendere in mano la gara nei primi minuti, ma al 19’ sono gli ospiti a passare: Murphy vede e serve Rondon, che da distanza ravvicinata fredda Pickford. L’Everton prova a reagire e al 38’ trova il meritato pareggio con una deviazione da due passi di Richarlison, dopo una palla che la difesa non riesce a spazzar via. Nella ripresa l’Everton prova ad alzare il proprio baricentro, ma il Newcastle si difende con ordine. Il finale di partita non presenta scossoni e si chiude in parità.

TAGS:
Premier
Manchester United
Liverpool
Arsenal
Everton
Tottenham

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X