Premier, Chelsea: "Visite ad Auschwitz per i tifosi razzisti"

Singolare iniziativa dei Blues: sostituire il bando da Stamford Bridge con corsi di recupero e visite al campo di concentramento

Premier, Chelsea: "Visite ad Auschwitz per i tifosi razzisti"

In Inghilterra la piaga del razzismo negli stadi è una questione molto sentita. Tanto che il Sun ha dedicato una pagina intera all'argomento, presentando una singolare campagna di sensibilizzazione studiata appositamente dal Chelsea. Nel dettaglio, i tifosi Blues responsabili di atti razzisti potranno scegliere se essere banditi da Stamford Bridge oppure partecipare a corsi di recupero che prevedono anche una visita al campo di concentramento di Auschwitz.

Educare per evitare che certe tragedie si ripetano e certe ferite, indelebili, riafforino. E' questa la strada decisa dal patron Abramovich per fronteggiare il razzismo all'interno delle mura della casa del Chelsea. Una scelta forte, che cambia radicalmente l'approccio al problema con l'obiettivo di sensibilizzare soprattutto chi non conosce la storia e lanciare un segnale chiaro ai propri supporter al di là delle restrizioni e i divieti di ingresso allo stadio.

"Allontanare le persone dallo stadio non basta, non cambierà il loro comportamento - ha spiegato il presidente del club, Bruce Buck -. Questa politica dà invece ai tifosi la possibilità di capire quello che hanno fatto e di volersi comportare meglio". "In passato li avremmo individuati tra la folla e li avremmo allontanati dallo stadio fino a tre anni - ha aggiunto -. Ora invece diciamo loro 'avete sbagliato, avete due possibilità: non venire più a Stamford Bridge o capire il vostro errore'".

TAGS:
Premier
Chelsea
Razzismo
Tifosi
Auschwitz

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X