Milan, Gattuso: "Higuain non mi ha deluso, resta il rispetto"

Il tecnico rossonero: "Tutte queste chiacchiere non fanno bene, ho visto uno dei più brutti allenamenti della mia gestione"

"Higuain? Non sono deluso. Si è comportato molto bene nei miei confronti. Accetto la scelta, ma il rispetto rimane. Poteva fare qualcosa di più lui e noi qualcosa in più per servirlo meglio". Rino Gattuso saluta il Pipita alla vigilia della trasferta del Milan a Marassi contro il Genoa. "Ho visto uno dei più brutti allenamenti della mia gestione, la rifinitura non è stata il massimo, tutte queste chiacchiere non fanno bene".

Sulla Supercoppa
A livello fisico non stiamo male. la squadra ha fatto di tutto per cercare di fare gol. Era quello che volevo vedere. La Juve ha avuto sempre qualcosa in più di noi a livello di agonismo, siamo stati bravi, abbiamo fatto una buona prestazione. Ora non voglio andare indietro, dobbiamo mantenere lo stesso spirito, domani giochiamo contro una squadrta che a livello fisico ci può mettere in grande difficoltà".

Sulla partenza di Higuain
Oggi penso che sia stato uno dei più brutti allenamenti della mia gestione con tutte queste chiacchiere. La squadra è preoccupata. Ho parlato con Higuain, non c'è nulla di fatto. Parlerà Leonardo. Voglio gente pronta, in questo momento Higuain non era pronto a venire con noi. Piatek? Adesso penso alla gara di domani, poi vediamo. Perdiamo un giocatore importante. Se sarà ufficiale poi vi dirò le caratteristiche di Piatek e quello che potrà dare. Non sono deluso da Higuain, sono stato calciatore. Lui si è comportato molto bene, accetto la scelta. Il rispetto rimane, va bene così. E' già successo con Bonucci. Poteva fare qualcosa di più lui e noi qualcosa in più per servirlo meglio. Voglio vedere a livello mentale gente pronta. E' giusto andare fare la guerra con chi è pronto a livello mentale. Higuain in questo momento non era pronto".

Sulla sfida contro il Genoa
Domani ci mancano quattro giocatori, la preoccupazione c'è. Questa squadra ha bisogno di entusiasmo e di lavorare con grandissima tranquillità. Basta vedere la classifica per vedere quello che ci giochiamo. Il Genoa corre tantissimo, ti viene a prendere. Dobbiamo stare in partita, giocare con grandissima qualità e non scomparire dal campo al primo errore. Abbiamo bisogno di rimanere in partita come fatto con la Juve e con la Sampdoria.

Sulle polemiche in Supercoppa
Ho perso la testa, mi sono comportato da dilettante. Ero arrabbiato nero, dovevo portare più rispetto, ho commesso un errore. Contesto solo il fatto che se c'è il Var si usa e sui fuorigioco si poteva andare a vedere, non costava nullaDopo ho sbagliato e chiedo scusa per l'atteggiamento. La cosa da contestare è questa, poi l'errore arbitrale ci può stare. La Coppa è nella bacheca della Juve. Non dobbiamo accontenarci e ripartire da quella prestazione.

Sulle condizioni di Suso, Biglia e Conti
Suso sente ancora un po' di fastidio. Si è messo a disposizione, vediamo domani. Per Biglia servono ancora un paio di settimane. Conti è un giocatore importante, ci può dare grandissima mano ma secondo me non ha ancora i 90' nelle gambe.

Sul mercato
Io non mi aspetto nulla. Abbiamo preso un giocatore importante come Paquetà, vedremo cosa succederà. Abbiamo dei parametri da rispettare. Parlo spesso con i miei dirigenti. Non è vero che c'è una guerriglia in atto. Faccio l'allenatore, Leonardo e Maldini fanno i direttori. Vedremo se sarà possibile fare qualcosa. Sul Milan di inizio stagione Metterei la firma per vedere il Milan delle prime sette-otto partite, abbiamo espresso un calcio tra i migliori in Italia. Era un Milan che giocava bene e metteva in difficoltà gli avversari.

TAGS:
Calcio
Milan
Gattuso
GenoaMilan

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X