Ceccarini e il "botto" Iuliano-Ronaldo: "Nemmeno col Var io l'avrei concesso. Non era rigore"

L'arbitro di Juve-Inter del 26 aprile 1998 non ha mai cambiato idea. E oggi la "aggiorna" con le nuove tecnologie

Ceccarini e il "botto" Iuliano-Ronaldo: "Nemmeno col Var io l'avrei concesso. Non era rigore"

La storia di Juventus-Inter è una storia di Pallone e (anche) feroci e mai sopite polemiche. E quella sul rigore-non rigore Iuliano-Ronaldo del 26 aprile 1998 torna -puntuale- ad accendere il dibattito, il dissenso e quant'altro, compresi gli interventi -quasi annuali- dell'arbitro del match, Piero Ceccarini, che anche stavolta non si fa mancare niente e ribadisce la giustezza (per lui) della decisione di non fischiare quel calcio di rigore che agli interisti era sembrato (e tale rimane) un inaccettabile errore. (Ricordiamo che quel match finito 1-0 per la Juve fu decisivo per l'assegnazione dello scudetto).

A Radio Crc, ha detto:  "Il fallo di Iuliano. L'ho già detto in varie occasioni, e forse qualcuno non mi ascolta. Insieme al telecronista dell'epoca c'erano Collovati e Chiesa i quali appena avvenuto l'episodio hanno detto che non c'era rigore. Voglio dire che in campo ero sicuro e anche oggi sono ancora convinto della mia scelta. Se al Var ci fossero stati Collovati e Chiesa non l'avrebbero giudicato calcio di rigore e non mi avrebbero richiamato. Se avessi visto l'episodio al monitor? Ronaldo va su Iuliano. Se per voi è il contrario, me lo dite".

TAGS:
Calcio
Juve
Inter
Ceccarini

Argomenti Correlati

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X