Moto Guzzi V85 TT, la classic enduro

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Moto Guzzi guarda al 2021, anno del suo centenario, rilanciando la sua gamma. L'ultimo gioiello di Mandello del Lario porta il nome di V85 TT, una classic enduro dedicata al turismo, che però si rifà ai raid degli anni '80. Proporzionata nelle dimensioni tutt’altro che proibitive, accessibile da piloti di ogni levatura ed esperienza, stretta nel girovita per lasciare libertà ai movimenti, V85 TT vanta una ottimale sistemazione di pilota e passeggero. Nessun compromesso è stato concesso a discapito di comfort e abitabilità, ne risulta una moto comoda in due, con le motovaligie installate sulla struttura del telaietto. Il design del serbatoio è un richiamo alla tradizione delle Moto Guzzi allestite per i raid africani. In linea con la storia Guzzi sono anche il parafango anteriore alto e il bellissimo proiettore doppio anteriore, soluzioni stilistico/funzionali già presenti sulla NTX 650 del 1996 e sulla Quota 1000 del 1989. Elementi modernamente tecnologici - come la strumentazione completamente digitale e la serie di luci a LED DRL del proiettore anteriore - si combinano così a stilemi di grande classicità del mondo del fuoristrada. La competenza di Moto Guzzi nel costruire ciclistiche sopraffine è confermata anche su V85 TT. Il telaio è completamente nuovo; perseguendo gli obiettivi di leggerezza, razionalità e accessibilità, è realizzato in tubi di acciaio e sfrutta il particolare ancoraggio del motore per realizzare una struttura rigida che restituisca da una parte precisione e rigore su strada e dall’altra robustezza e giusto feeling nella guida fuori strada. Il bellissimo forcellone asimmetrico in alluminio presenta sulla parte sinistra un braccio dalla conformazione ricurva, utile per disegnare un andamento del tubo di scarico molto lineare, in modo da diminuire al massimo gli ingombri laterali. Il braccio destro del forcellone invece ospita la nuova trasmissione cardanica. Il monoammortizzatore collega in maniera diretta il telaio al braccio destro del forcellone, soluzione che facilita l’accesso alle regolazioni idrauliche e di precarico della molla, liberando spazio al layout dell’impianto di scarico. Le sospensioni offrono un’escursione ruota molto generosa per un utilizzo soddisfacente in fuoristrada, anche grazie a una cospicua altezza da terra del propulsore, oltre a garantire comfort sulle strade più consuete. Su V85 TT debutta un nuovo motore Moto Guzzi. Lo schema costruttivo è quello proprietario ed esclusivo di tutte le Moto Guzzi di attuale produzione: si tratta infatti di un bicilindrico a V trasversale di 90° da 850 cc raffreddato ad aria che esprime 80 CV di potenza. È un motore che, in piena filosofia Moto Guzzi, si candida a essere un classico nel prossimo futuro, assicurando prestazioni gratificanti su ogni percorso, oltre a garantire gran carattere e il consueto e spettacolare tiro fin dai bassi regimi.

>
Torino-Juventus, scintille tra Cristiano Ronaldo e Ichazo

Scintille Ronaldo-Ichazo

Il portoghese della Juventus ammonito dopo un contatto

Reims-Strasburgo, la Ligue 1 ricorda la strage

La Ligue 1 ricorda Strasburgo

Maglia speciale e minuto di silenzio

Serie A, Torino-Juve 0-1: le foto del match

Ronaldo stende il Torino

La Juve vince il derby con un rigore del portoghese: 1-0

Serie A, Inter-Udinese 1-0: le foto

Inter, ci pensa Icardi

I nerazzurri pieno l'Udinese grazie a un rigore di Maurito

Formula E: Da Costa fa felice la Bmw

Da Costa fa felice la Bmw

Il Mondiale Formula E è iniziato a Riad.

Sci: Gisin, bruttissima caduta

Sci: Gisin, bruttissima caduta

In Val Gardena schianto spaventoso per lo svizzero

I giornali del 15 dicembre

I giornali del 15 dicembre

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Champions: il Porto guida la classifica degli incassi, Inter fuori dalla top10

Champions, chi ha guadagnato di più? Sorpresa Porto, Inter fuori dalla top 10

Tra premi Uefa e bonus di partecipazione, ecco le squadre più 'ricche' dopo i gironi

Sci, Innerhofer secondo sulla Saslong

Inner sfata il tabù Saslong

L'azzurro secondo nel supergigante in Val Gardena