Nantes, tributo a Sala: maglia nera e il suo nome sul retro

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

A Nantes è il giorno della commemorazione di Emiliano Sala. Tante le iniziative per ricordare lo sfortunato attaccante argentino scomparso tragicamente mentre volava dalla città francese a Cardiff, dove lo attendeva la sua nuova squadra. Gli ex compagni sono scesi in campo contro il Nimes con una maglia nera in segno di lutto e il suo nome sul retro. Prima del calcio d'inizio una sua casacca è stata appesa alla rete di una porta, le due squadre in cerchio gli hanno reso omaggio e i tifosi si sono uniti in preghiera all'esterno dello stadio della Beaujoire. Grande commozione al minuto di raccoglimento e al 9' della partita, quando tutto lo stadio ha intonato il nome di Emiliano Sala.

>
Il record di Dani Alves: il giocatore più vincente della storia

Dani Alves, il più vincente della storia

Il terzino brasiliano ha vinto 42 trofei in carriera: record assoluto

Coppa Italia, striscione degli ultras della Lazio: "Onore a Mussolini"

Lazio, vergogna ultras in piazzale Loreto: "Onore a Mussolini"

Striscione degli Irriducibili a Milano prima della sfida col Milan

I giornali: mercoledì 24 aprile 2019

Lo sport sui giornali

La rassegna stampa dei quotidiani italiani e stranieri

Liga, Alaves-Barcellona 0-2: le foto del match

Barça, la Liga a un passo

I catalani vincono 2-0 in casa dell'Alaves e sono sempre più vicini al trionfo

Premier, Long nella storia: segna dopo 7", è il più veloce di sempre

Premier: Long nella storia

L'attaccante del Southampton segna dopo 7": è il più veloce di sempre

Giocatore e allenatore: la carriera di Jurgen Klinsmann

Klinsmann torna in Bundes? Offerta dell'Hertha

Dallo Stoccarda agli Stati Uniti passando per Inter e Samp: la carriera del bomber tedesco

"Facciamo squadra per Genova": amichevole benefica su Italia 1

Genoa e Samp, amichevole benefica su Italia 1

Il 27 maggio "Facciamo squadra per Genova", fondi per le aziende che hanno subito danni dopo il crollo del ponte Morandi

Gianluca Zambrotta (Ansa)

I talenti scoperti da Favini

Da Borgonovo a Inzaghi, passando per Zambrotta e Pazzini