Spagna, Hierro nel segno di Zidane: "Niente alibi, lottiamo per vincere"

Le prime parole del neo ct, con qualche (ovvio) problema. È la prima vera esperienza in panchina, lui e Zizou hanno preso lezioni da Ancelotti

Spagna, Hierro nel segno di Zidane: "Niente alibi, lottiamo per vincere"

Salto nel vuoto o quasi per la Spagna che ha scelto Fernando Hierro come ct per i Mondiali. L'ex difensore del Real Madrid ha un palmares che parla da solo, ma ha pochissima esperienza in panchina. Il 50enne, però, conosce benissimo l'ambiente ed era già presente nella delegazione per Russia 2018 in veste di direttore sportivo. In comune con Zinedine Zidane ha il fatto che è stato vice allenatore di Ancelotti: chissà che non ripeta le gesta del francese, Rubiales e un Nazione intera ci spera.

Con Zidane, Hierro condivide anche il dna vincente dei madridisti. Con la maglia dei Merengues ha giocato 14 anni, di cui sei da capitano. Da pilastro della difesa ha vinto tre Champions League e ben cinque campionati spagnoli. Nel 2014 l'ex centrale poi ha preso il posto proprio di Zizou come vice allenatore di Ancelotti e lì ha studiato il mestiere. Nel 2016 ha allenato per un anno il Real Oviedo, ma si può considerare alla prima vera esperienza da allenatore. E subito a un compito parecchio arduo: prende una squadra scossa dal terremoto Lopotegui. Un terremoto per ironia della sorte causato proprio da Zidane. L'allenatore che alla prima volta in panchina è entrato in corsa e ha conquistato tre Champions League consecutive. Se non sono segni del destino questi...

Con la Nazionale, da giocatore, Hierro ha fatto parte di un'epoca molto forte ma sfortunata che non è riuscita mai a vincere. Ha vestito la maglia delle Furie Rosse per 89 volte segnando ben 29 reti. Un vero e proprio record per un difensore. Infatti, oltre a essere solido dietro, era bravo anche negli inserimenti, nei colpi di testa e nel calciare punizioni e rigori. Un vero e proprio leader a tutto tondo. Ora il compito più difficile, venerdì c'è già il Portogallo.



HIERRO: "NIENTE ALIBI, ORA LOTTIAMO PER VINCERE"

"Non posso certo cambiate tutto, gran parte dello staff continua con noi, la partita con il Portogallo è vicina. Dobbiamo usare intelligenza e coerenza, e sapere che non si può buttare via tutto". Sono queste le prime parole di Fernando Hierro da ct della Spagna, in una conferenza stampa a Krasnodar in cui è comparso assieme al presidente federale Luis Rubiales. "Io sono stato presente a ogni allenamento - dice ancora Hierro - e in due giorni non si può cambiare nulla. Il nostro cammino nelle qualificazioni è stato fantastico, e a i giocatori chiediamo di fare lo stesso qui. Sappiamo di averne molti di grande categoria". Ma cosa pensa del fatto che molti giocatori avrebbero voluto che Lopetegui rimanesse? "Domani vedremo - risponde Hierro -, ma ho già detto loro che posso guardare tutti negli occhi, e che sono tranquillo. Non ci sono giustificazioni per non puntare all'obiettivo per il quale siamo qui. Sanno tutti che abbiamo una grande occasione, siamo venuti qui a lottare per un titolo mondiale".

TAGS:
Hierro
Spagna
Ct
Real Madrid
Difensore
Goleador

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X